Torna indietro

I confini della letteratura. Filosofia e scienza nell'opera letteraria. Da Dante a Leopardi

I confini della letteratura. Filosofia e scienza nell'opera letteraria. Da Dante a Leopardi
17,10 -5%   18,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 26 aprile. 

34 punti carta PAYBACK
Brossura:
264 Pagine
Editore:
Solfanelli
Pubblicato:
29/08/2014
Isbn o codice id
9788874978748

Descrizione

Il sistema educativo e culturale del nostro Paese è stato caratterizzato e lo è tuttora dalla barriera artificiale sollevata tra cultura umanistica e cultura scientifica. Lo strutturalismo ha cercato di superare questa barriera pretendendo di imprimere "scientificità" alla metodologia critica, attraverso l'eliminazione delle componenti valutative di carattere "ideologico", e, quindi, di realizzare, per tale via, l'"oggettività" analitica. Sul fronte opposto, la critica definita genericamente "sociologica" ha spesso circoscritto l'analisi delle opere letterarie al loro nesso con il contesto economico-sociale, stabilendo degli automatismi nel rapporto tra "struttura" e "sovrastruttura". Il problema va ben impostato. Non si tratta di dare "scientificità" al metodo critico, perché la critica letteraria non è una scienza. L'attività critica deve investire la totalità dell'esperienza umana, inchiodandola nei suoi momenti decisivi: poetici, filosofici, sociali, politici e scientifici. La vera critica sociologica è, sulla scorta di De Sanctis e di Gramsci, "critica integrale".