Torna indietro

La crisi di Suez e la destra nazionale italiana

La crisi di Suez e la destra nazionale italiana
15,19 -5%   15,99 

Ordina ora per riceverlo lunedì 8 febbraio. 

30 punti carta PAYBACK
Brossura:
182 Pagine
Editore:
Goware
Pubblicato:
26/02/2020
Isbn o codice id
9788833633121

Descrizione

"Difenderemo il Canale di Suez con il nostro sangue e le nostre armi. Risponderemo all'aggressione con l'aggressione, al male con il male." (Gamal Abdul Nasser). La crisi di Suez è stato uno dei primi drammatici episodi della Guerra fredda. Il 26 luglio 1956 il presidente egiziano Gamal Abdel Nasser nazionalizza la Compagnia universale del canale di Suez. E l'inizio di una crisi culminata con una guerra che vedrà il ridimensionamento del ruolo delle potenze coloniali europee come Francia e Inghilterra a vantaggio degli Stati Uniti e dell'Unione Sovietica. Come reagì alla crisi la destra nazionale italiana? L'autore ricostruisce accuratamente le posizioni di un'area magmatica come quella della destra italiana. Un'area divisa fra i sostenitori del terzaforzismo filoarabo e gli occidentalisti. I primi vedevano in Nasser un "Mussolini egiziano", che incarnava l'ideale fascista dell'Islam. Gli occidentalisti vedevano nel gesto nasseriano e nella decolonizzazione un segno inequivocabile dello spengleriano "tramonto dell'Occidente".