Torna indietro

Il diavolo e la questione romana. Saggi sulle mentalità dell'Ottocento

Il diavolo e la questione romana. Saggi sulle mentalità dell'Ottocento
26,00

Ordina ora per riceverlo giovedì 30 settembre. 

52 punti carta PAYBACK
Brossura:
305 Pagine
Editore:
Il Mulino
Pubblicato:
15/03/2018
Isbn o codice id
9788815273130

Descrizione

I saggi raccolti in questo volume hanno un'ispirazione comune: cercano di ricostruire le mentalità sociali e religiose dell'Ottocento. Gli scritti raccolti nella prima parte ruotano attorno al tema centrale della questione romana, che ha assunto nel XIX secolo un'importanza centrale e permette di mettere in luce il modo di credere, gli atteggiamenti mentali, la psicologia religiosa, la sensibilità di prelati e fedeli negli anni del pontificato di Pio IX. La costante proposta della meditazione della morte, ad ammonimento dei peccatori e dei nemici della Chiesa, l'annuncio o la costatazione dei castighi riservati da Dio agli usurpatori del potere temporale, già in questo mondo e soprattutto nell'aldilà, la lettura provvidenzialistica di avvenimenti politici e di eventi naturali alla ricerca del prossimo trionfo del papa perseguitato sono motivi che si presentano costantemente nei discorsi e negli scritti di Pio IX, sulla «Civiltà Cattolica», nella predicazione, negli almanacchi popolari. Nella seconda parte si delineano i modelli femminili dell'Ottocento, con una incursione nel Seicento, analizzati con lo sguardo e il giudizio di Alessandro Manzoni. Si sottolineano stereotipi e modelli antichi, che si ripropongono in chiave religiosa e civile e che senza alcuna incrinatura sottolineano la necessaria sottomissione della donna. L'atteggiamento evidenzia un'altra reazione di fronte a un aspetto centrale della società moderna, considerato demoniaco. C'è un forte parallelismo infatti tra il richiamo all'obbedienza e alla sottomissione rivolto alla donna e l'atteggiamento, assai simile, richiesto ai fedeli dalla gerarchia ecclesiastica. Quando alla fine dell'Ottocento e nel primo Novecento si può riscontrare un'evoluzione, questa riguarda sia la Chiesa che la società e, quindi, anche il modello femminile.