Torna indietro

Le donne al parlamento. Ediz. bilingue

Le donne al parlamento. Ediz. bilingue
9,50 -5%   10,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 8 marzo. 

19 punti carta PAYBACK
Tascabile:
192 Pagine
Editore:
Bur Biblioteca Univ. Rizzoli
Pubblicato:
01/01/1984
Isbn o codice id
9788817124942

Descrizione

"Quando, nel 392 a.C., si rappresentano ""Le donne al parlamento"", l'impero di Atene è caduto da poco più di un decennio, strangolato dalla potenza militare spartana, e la città è sopravvisuta a se stessa. Instancabilmente, Aristofane continua a prendere a oggetto del suo discorso teatrale la vita politica del suo paese, e i tempi della disperazione gli suggeriscono un paradosso estremo da indicare come via di salvezza: ribaltare il rapporto di potere da sempre stabilito tra i due sessi e affidare il governo alle donne. Esse poi, dentro questo paradosso, ne costruiranno un altro, istituendo per legge la comunità dei beni e dei rapporti sessuali - un'idea già avanzata da qualche intellettuale utopista e di lì a poco elaborata da Platone. Obbedendo alla tecnica drammaturgica che è abituale in Aristofane,questo progetto fantastico si presenta come lo strumento necessario e sufficiente a una rigenerazione creativa del mondo, che assicura la realizzazione del sogno di benessere e di felicità. Ma gli esiti sono diversi dal solito e sconcertanti: quando la nuova legge costringe un giovane innamorato nel cerchio infernale di tre megere che si contendono le sue prestazioni sessuali, il sogno assume le tinte grottesche dell'incubo, quando una logica chiara e perversa mostra che è impossibile apettarsi dagli uomini una collaborazione al benessere sociale che prescinda o contraddica il profilo personale, l'idea che si rivela ingabbiata in limiti irriducibili. Testo greco a fronte."