Torna indietro

Una doppia appartenenza. Tullio Ascarelli e la legge come interpretazione

Una doppia appartenenza. Tullio Ascarelli e la legge come interpretazione
15,20 -5%   16,00 

Ordina ora per riceverlo giovedì 28 gennaio. 

30 punti carta PAYBACK
Brossura:
104 Pagine
Editore:
Pacini Giuridica
Pubblicato:
20/02/2019
Isbn o codice id
9788833790329

Descrizione

Tullio Ascarelli (1903-1959) è tra i giuristi che hanno più radicalmente segnato la cultura giuridica italiana del Novecento. Il testo qui presentato costituisce una riflessione sulla sua teoria dell'interpretazione della legge - per come articolata soprattutto nel saggio Antigone e Porzia, pubblicato da Ascarelli nel 1955 -, proponendo al lettore un punto di vista inedito. Le tesi di Ascarelli vengono, infatti, rilette in corrispondenza con la concezione della legge e dell'interpretazione propria della tradizione ebraica, profondamente sentita e vissuta dal giurista: il quale verrà, peraltro, costretto a lasciare l'Italia a seguito dell'entrata in vigore delle leggi razziali. Sarà riprendendo la messa in scena del "Mercante di Venezia", ed il confronto tra Shylock e Porzia travestita da 'dottore patavino', che le pagine di Ascarelli mostreranno i legami e le corrispondenze tra la sua tesi sull'interpretazione della legge e la sua radicata appartenenza alla cultura ebraica.