Torna indietro

Il fiorino e il quattrino. La politica monetaria a Firenze nel Trecento

Il fiorino e il quattrino. La politica monetaria a Firenze nel Trecento
10,20 -15%   12,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 2 dicembre. 

20 punti carta PAYBACK
Brossura:
142 Pagine
Editore:
Il Mulino
Pubblicato:
30/10/2013
Isbn o codice id
9788815247476

Descrizione

Nel Duecento Firenze non era solo un centro manifatturiero e commerciale di prima grandezza, ma costituiva la principale piazza finanziaria d'Europa. Simbolo e strumento di questa supremazia fu nel 1252 la coniazione del fiorino d'oro, che sia affiancò per le grandi transazioni al denaro d'argento (il grosso e il quattrino). Ma verso la metà del Trecento la prosperità di Firenze venne scossa da una fortissima crisi: prima il dissesto delle finanze comunali a causa delle reiterate guerre contro Milano, Pisa e il papa, poi il fallimento delle maggiori case bancarie (i Bardi e i Peruzzi, a causa dell'insolvenza del re d'Inghilterra) e a cascata la crisi di molte attività a esse collegate, infine la carestia e la peste indussero una prolungata crisi a cui le autorità fiorentine cercarono di porre riparo con complessi interventi di politica monetaria. Storia di una crisi finanziaria ed economica e dei tentativi di uscirne: questa piccolo saggio di Cipolla racconta una storia di sette secoli fa che trova molte risonanze nella storia di oggi.