Torna indietro

La geometria fra tradizione e innovazione. Temi e modi geometrici nell'età della rivoluzione scientifica (1550-1650)

La geometria fra tradizione e innovazione. Temi e modi geometrici nell'età della rivoluzione scientifica (1550-1650)
26,98 -5%   28,41 

Ordina ora per riceverlo giovedì 24 giugno. 

54 punti carta PAYBACK
Libro:
244 Pagine
Editore:
Bollati Boringhieri
Pubblicato:
01/01/1999
Isbn o codice id
9788833911502

Descrizione

L'epoca che va dalla metà del Cinquecento alla metà del Seicento è quella in cui si assiste ai preludi, alla nascita e agli sviluppi dell'opera galileiana.
In quel periodo ricco d'innovazioni la matematica ha un ruolo primario nel determinare la nuova mentalità che è alla base della "rivoluzione scientifica", da Galilei a Newton. Si studiano i classici, che vengono tradotti e commentati, e nel complesso si pongono le basi per gli sviluppi futuri. Descartes algebrizza la geometria dando di fatto agli oggetti geometrici un'entità algebrica.
I metodi d'indagine come pure la logica e i fondamenti, vengono esaminati esplicitamente sulla scia della tradizione medievale. Si prende in considerazione l'analisi delle dimostrazioni matematiche, in particolare geometriche. La tradizione archimedea porta a nuovi e suggestivi metodi per la determinazione delle misure di aree e volumi.
I risultati presentati nel volume costituiscono una parte rilevante dei fondamenti storici della geometria.