Torna indietro

La guerra dopo la guerra. Soldati, burocrati e mercenari nell'epoca della pace virtuale

La guerra dopo la guerra. Soldati, burocrati e mercenari nell'epoca della pace virtuale
13,30 -5%   14,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 28 settembre. 

27 punti carta PAYBACK
Brossura:
291 Pagine
Editore:
Einaudi
Pubblicato:
01/01/2003
Isbn o codice id
9788806166717

Descrizione

L'avvio del millennio è drammaticamente segnato dalla rinascita della "voglia di impero": imperi astratti e fra loro connessi, attraversati dall'economia globale e dalla criminalità, dal terrore islamico e dagli apparati della guerra. Il terrorismo, tutto orientale nella sua concezione alineare, ha lanciato la sua sfida al sistema occidentale. Non per abbatterlo o sostituirlo ma semplicemente per terrorizzarlo. La guerra, tutta occidentale nella sua linearità, lo vuole annientare individuando nelle vecchie formazioni statali i nuovi nemici. In questa lotta la guerra cambia - a raccontarlo dall'interno è un generale, Fabio Mini -, diventa asimmetrica. Cambiata la guerra, anche i guerrieri mutano: i soldati dell'impero della guerra, senza nazione, senza ethnos, combattono per una pace virtuale, sono gendarmi, samaritani, mercenari, quasi mai guerrieri. Come la guerra anche il dopoguerra è profondamente trasformato: è una fase incerta, di anarchia, ai confini tra la pace e la guerra, in cui i ladri e gli assassini spesso prendono il sopravvento. E ci sono le ricostruzioni, con i loro eroi, con i loro speculatori e i loro profittatori, entro un processo senza fine in cui gli interessi della guerra si perfezionano.