Torna indietro

L'occhio e la voce. Pier Paolo Pasolini e Italo Calvino fra letteratura e antologia

L'occhio e la voce. Pier Paolo Pasolini e Italo Calvino fra letteratura e antologia
17,85 -15%   21,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 27 agosto. 

36 punti carta PAYBACK
Brossura:
220 Pagine
Editore:
Ets
Pubblicato:
11/05/2018
Isbn o codice id
9788846751881

Descrizione

A metà degli anni Cinquanta del Novecento, Pier Paolo Pasolini e Italo Calvino riaccendono il dialogo fra letteratura e antropologia, illuminando un nuovo panorama di avvicinamenti, collaborazioni e immancabili distanze fra scrittori, etnologi, demologi e folkloristi. Pasolini allestisce il Canzoniere italiano con scrupolo specialistico e attenzione filologica, ma non senza raffinati accorgimenti poetici d'autore. Calvino, invece, riscrive le fiabe della tradizione regionale, dotandole di una letterarietà contemporanea. Diversi fra loro e diversamente instradati sui binari della moderna demologia, i due scrittori recuperano in termini estetici il testimone del passato, ma vanno ben oltre. Il "Canzoniere italiano" e le "Fiabe italiane", infatti, non sono soltanto indispensabili raccolte di reperti demologici superstiti ? e, comunque, già fantasmi in una società sempre più mediatica e spersonalizzante ?, ma veicolano con forza un messaggio civile e letterario ineludibile. Entrambe le opere mirano così a ricostruire il tessuto identitario dell'Italia del dopoguerra e portano alla luce il carattere unitario del suo popolo attraverso la varietà dei canti e delle fiabe tradizionali, proposti nuovamente a un altrettanto nuovo pubblico di lettori, fra intenti conservativi e volontà restitutive.