Torna indietro

L'ombra della sovranità. Da Hobbes a Canetti e ritorno

L'ombra della sovranità. Da Hobbes a Canetti e ritorno
14,25 -5%   15,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 24 maggio. 

28 punti carta PAYBACK
Brossura:
144 Pagine
Editore:
Treccani
Pubblicato:
18/02/2021
Isbn o codice id
9788812008803

Descrizione

"Sovranità" è stato uno dei termini chiave del linguaggio politico a partire dalla prima età moderna e, spesso in accezioni e derivazioni improprie (come "sovranismo"), continua a esserlo anche oggi. Il suo senso, però, è sempre stato vago e fragile in virtù di una contraddizione esplosiva: alle sue origini c'è una crisi estrema, la fine della legittimazione dall'alto dell'autorità, il venir meno della teologia politica medievale. "Sovranità" è un ponte gettato sul vuoto del silenzio di Dio, è lo sforzo disperato di distinguere il potere dalla nuda forza mantenendolo ancorato a un principio, in un contesto antropologico in cui più nulla distingue il detentore dell'autorità da chi subisce l'autorità e la sola sostanza del potere è il consenso. Sforzo ancor più disperato oggi, probabilmente. Ma appunto per questo irrinunciabile se si vuole mantenere un (debole) argine etico alle derive violente.