Torna indietro

Gli ordini cavallereschi Italiani. I sistemi premiali conferiti e riconosciuti dalla Repubblica Italiana

Gli ordini cavallereschi Italiani. I sistemi premiali conferiti e riconosciuti dalla Repubblica Italiana
19,00 -5%   20,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 15 giugno. 

38 punti carta PAYBACK
Brossura:
302 Pagine
Editore:
C&p Adver Effigi
Pubblicato:
20/02/2020
Isbn o codice id
9788864338422

Descrizione

Per parlare di Ordini Cavallereschi in Italia - con particolare riferimento negli ultimi 150 anni - occorre precisare che cosa sono dette Istituzioni e quando si sono determinate. Anzitutto, prescindendo dalla costituzione della Tregua di Dio, è doveroso anticipare ai lettori che nel medioevo si diffuse a partire dall'XI secolo con Adalberto - duca vescovo di Laon - una "tripartizione sociale" che prevede tre ordini nella comunità terrena che concorrono alla celeste: Oratores (ovvero "coloro che pregano": Vescovi, Monaci, Chierici), Bellatores (ovvero "coloro che combattono": Signori, Militi) e Laboratores (ovvero "coloro che lavorano": agricoltori, lavoratori). A partire dai primi decenni del XII secolo si diffuse nella Città Santa - Al-Quds per i musulmani - una Nuova Cavalleria costituita da nobili europei che difesero i pellegrini, il Santo Sepolcro, i territori cristiani in Ultramare, le vie di fede. Essi vivevano in povertà e servivano il Sovrano di Gerusalemme che concesse loro i portici della Spianata della Moschea ove sorge la Cupola d'Oro.