Torna indietro

Il rudio e il gladio. La superbia degli umili che umiliò i superbi

Il rudio e il gladio. La superbia degli umili che umiliò i superbi
25,00

Ordina ora per riceverlo venerdì 5 febbraio. 

50 punti carta PAYBACK
Libro:
370 Pagine
Editore:
Youcanprint
Pubblicato:
08/02/2020
Isbn o codice id
9788831650861

Descrizione

Si poteva divenire schiavi per nascita, per deportazione oppure per aver commesso crimini o per estinguere debiti di famiglia: bambini indesiderati, prigionieri di guerra. Ogni motivo era valido per andare a infoltire l'indispensabile moltitudine di schiavi che già popolava l'Urbe repubblicana e il mondo romano non considerava che questa merce avesse un cuore e un'anima . Al mercato si trovava di tutto: nani, musici, giocolieri, ballerine. Tutti coi piedi tinti di bianco, cicatrici e marchi a fuoco sui corpi con le iniziali "fug" a indicare un fuggitivo, "fur" per ladro, "Kal" per calunniatore. Malmenati e frustati sul posto tra l'indifferenza dei cittadini a sancire la normalità di tale abominio. Le terribili angherie cui quotidianamente venivano sottoposti Spartacus e i suoi compagni di sventura favorirono la nascita e il consolidamento di una confraternita detta "lega degli oppressi". Anche il rudiario Enumao che non era più schiavo, ma ricordava bene gli anni in cui lo era stato, aderì a questa lega che negli anni si allargò sempre più tra la numerosissima popolazione che perennemente subiva vessazioni e ingiustizie dai padroni romani.