Torna indietro

La scimmia egoista. Perché l'essere umano deve estinguersi

La scimmia egoista. Perché l'essere umano deve estinguersi
14,90

Ordina ora per riceverlo martedì 31 gennaio. 

30 punti carta PAYBACK
Brossura:
194 Pagine
Editore:
Il Saggiatore
Pubblicato:
20/06/2022
Isbn o codice id
1201201959886

Descrizione

Noi esseri umani possiamo dirci soddisfatti: siamo la specie dominante su questo pianeta, facciamo avanzare a grandi passi scienza e tecnologia e il nostro progresso sembra infinito. Abbiamo posto noi stessi e la nostra intelligenza al centro dell'universo e stiamo pensando di attribuirci un nuovo nome, Homo deus, per le nostre capacit quasi divine. Eppure, se osserviamo il nostro operato con occhio pi disincantato, il nome che ci meritiamo davvero Homo narcissus, in omaggio al nostro sfrenato egocentrismo e alla nostra incapacit di vederci come parte di un mondo che stiamo devastando. Il ritratto che fa di noi di Nicholas P. Money un salutare bagno di realt, necessario a ridimensionare l'altissima stima che abbiamo della nostra specie. In brevi e incisivi capitoli Money ricostruisce la nostra carta d'identit biologica: come ci siamo evoluti, come funzionano i nostri corpi, come ci siamo diffusi sul pianeta, come nasciamo e come moriamo. Non siamo poi cos speciali rispetto ad altri animali: i nostri organi sono pi o meno gli stessi; abbiamo altrettanti geni di un pollo ma meno di molte piante; squali e vongole sono molto pi longevi di noi. E, soprattutto, la nostra intelligenza un'arma a doppio taglio: ci ha permesso di conquistare il nostro ambiente, ma al costo di trasformarci in vandali su scala planetaria, col risultato di portare intere specie sull'orlo dell'estinzione. La nostra coscienza scatena il terrore per la morte individuale, ma restiamo ciechi di fronte alla tomba collettiva che ci scaviamo giorno dopo giorno. "La scimmia egoista" una fotografia spietata e oggettiva dell'umanit, un ultimo grido di allarme per farci scendere dal piedistallo e salvare il nostro futuro. Possiamo anche non ascoltarlo, ma non dobbiamo sorprenderci se, quando ci saremo finalmente estinti, il resto del pianeta tirer un sospiro di sollievo.