Torna indietro

Un secolo di saggezza. La lezione di vita di Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta alla Shoah. 108 anni di passione e ottimismo

Un secolo di saggezza. La lezione di vita di Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta alla Shoah. 108 anni di passione e ottimismo
8,50 -50%   17,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 8 marzo. 

17 punti carta PAYBACK
Rilegato:
239 Pagine
Editore:
Sperling & Kupfer
Pubblicato:
26/03/2012
Isbn o codice id
9788820052126

Descrizione

A 107 anni, Alice Herz-Sommer è la più anziana fra i sopravvissuti alla Shoah. Testimone e protagonista di tutto il bene e il male del secolo scorso, ha conosciuto persone che hanno fatto la Storia e ha visto morire - uccisi dai Nazisti - i suoi affetti più cari. Ma è riuscita ad andare avanti, sempre, senza perdere la speranza e il sorriso. Perché la vita è un dono, che non si può avvelenare con l'odio, la rabbia o il rimpianto, e può riservarci ogni giorno una gioia inattesa. Questo è l'insegnamento che Alice vuole lasciarci: una ricetta preziosa, fatta di saggezza, umiltà e ottimismo, per scoprire la nostra parte migliore.

La nostra recensione

"108 anni di passione e di ottimismo" è il sottotitolo della straordinaria biografia di Alice Herz-Sommer, nata a Praga nel 1903 da una famiglia ebraica, testimone e vittima delle tragedie del XX secolo, che ha attraversato senza mai abbattersi, affidandosi a due incrollabili forze: la musica e l'amicizia.
Era già un'affermata pianista quando, nel 1943, fu deportata a Theresienstadt con marito e figlio: in quel campo destinato agli artisti sopravvissero agli stenti formando un'orchestra e tenendo concerti. Morto il marito, dopo la guerra emigrò col figlio in Israele: fu grande amica di Golda Meir ed ebbe fra i suoi allievi Daniel Baremboim. Con il figlio, diventato un celebre violoncellista, Alice tenne concerti in tutto il mondo, poi lui si trasferì in Inghilterra e la madre lo raggiunse. Oggi Alice vive ancora a Londra, suona quotidianamente, ringrazia per ogni nuovo giorno nonostante abbia perso il figlio amatissimo, trabocca di curiosità e di amore per gli amici che la circondano.
Daniela Pizzagalli