Torna indietro

Il senso del limite. Il dolore, l'eccesso, l'osceno

Il senso del limite. Il dolore, l'eccesso, l'osceno
15,50

Ordina ora per riceverlo venerdì 20 maggio. 

31 punti carta PAYBACK
Libro:
208 Pagine
Editore:
Mondadori Education
Pubblicato:
05/02/2009
Isbn o codice id
9788800207867

Descrizione

Il fruitore non desidera l'orrore eppure lo gode nell'arte e lo patisce nella vita. Quando è mostruoso connubio di abiezione e sublime, la fruizione diventa godimento mai pacificato, sempre problematico, spesso irrisolto, che sconfina con l'ambito fisiologico se non patologico. Una retorica degli effetti estremi che il fruitore ben conosce e che trasforma lo spettatore in voyeur o in vittima; che lo trasforma in apatico carnefice quando la crudeltà si lascia esporre senza recessi. Sguardi dell'orrore che sono fruizione del limite, fruizione al limite: il Settecento lo insegna. Un senso del limite è quello che il secolo del buon gusto elabora, perché rappresentare l'orrore significa scegliere non tanto di addomesticarlo ma di renderlo ancora fruibile. Gioco di limiti che limiti non sono se possono alludere a un infinito che porta spesso i tratti del sublime.