Torna indietro

Lo straniero. «Ero forestiero e mi avete ospitato». Riflessione, in forma di teatro, per il venerdì santo

Lo straniero. «Ero forestiero e mi avete ospitato». Riflessione, in forma di teatro, per il venerdì santo
5,00

Ordina ora per riceverlo mercoledì 4 settembre. 

10 punti carta PAYBACK
Libro:
40 Pagine
Editore:
Del Bucchia
Pubblicato:
05/05/2018
Isbn o codice id
9788847109322

Descrizione

"Sviluppando il tema dello straniero (recita il Vangelo di Matteo: 'Ero forestiero e mi avete ospitato'), l'intenzione è di ricordare la morte di Gesu parlando di lui. E un po' come quando, vegliando una salma, ognuno racconta aneddoti e particolarità che rendono ancora vivo e presente il defunto: manifestazioni di affettività lontane da qualsiasi forma rituale. In questo testo ogni protagonista è una sfumatura dell'animo umano che alla fine sarà redento dalla richiesta di perdono: dall'egoismo e dal rifiuto si passerà all'accettazione e al perdono. E esattamente l'attualizzazione del messaggio di Gesu: dalla morte alla nuova vita, l'equivalente della risurrezione." (Igino Canestri)